Welfare green: bici, yoga e biblioteca


Docce per i dipendenti-ciclisti, tram scontati e spesa a km zero: le iniziative “verdi” di Pirelli a Milano Bicocca


Welfare green: bici, yoga e biblioteca

Avete mai provato ad andare al lavoro in bicicletta, specie durante la canicola estiva? Certo, stare otto ore seduti a una scrivania sudaticci non è piacevole, per se stessi e forse ancor più per chi ci circonda. Come ovviare al problema? A Milano, che per smog e afa si distingue, ci ha pensato la multinazionale degli pneumatici Pirelli, che nella sua sede di Bicocca ha installato spogliatoi e docce. La svolta “green” dell’azienda capitanata da Marco Tronchetti Provera era già gradualmente avvenuta qualche anno fa. Complice anche il vicino polo universitario e il progetto del Comune di Milano BikeMe che, insieme ad altre imprese della zona, la Pirelli ha contribuito ad ampliare. Ma da luglio è una realtà.

Le docce per i dipendenti

Le docce per i dipendenti

Parcheggi coperti per le due ruote (senza motore e con) e soprattutto la possibilità di lavarsi e cambiarsi d’abito. A supporto della mobilità sostenibile. «In verità», racconta a Linc Gabriella Giglio, del team Welfare di Pirelli, «l’attenzione all’ambiente e al benessere dei lavoratori è nel nostro Dna da sempre, fin dai tempi del fondatore Leopoldo, che ha dato un’impronta filantropica conservata e sviluppata nel tempo. Ma con gli anni l’idea si è concretizzata, grazie anche a MyVoice, il sondaggio sul clima aziendale periodicamente effettuato tra i circa 1.800 dipendenti della sede milanese.

Ascoltiamo le loro richieste
e facciamo di tutto
per esaudirle

Abbonamenti agevolati a bus e metrò
Quella delle docce per il post-arrivo al lavoro dei cicloamatori è solo una delle tante iniziative che hanno contribuito a far diventare Pirelli una società realmente attenta all’ambiente. E ricordiamo che l’head quarter non è in pieno centro, quindi è facilmente raggiungibile in macchina senza troppi problemi di parcheggio. Si trova, infatti, in un’area industriale dove l’auto è in teoria il veicolo più comodo per arrivare. Eppure la multinazionale delle gomme ha incentivato l’utilizzo dei mezzi pubblici, consentendo inoltre di usufruire del servizio navetta che collega l’azienda alla fermata della metro Bicocca e alla stazione Greco Pirelli.

«La società», spiega Giglio, «anticipa ai dipendenti che ne fanno richiesta il costo dell’abbonamento ad Atm e Trenord. Che è scontato a seconda delle convenzioni fatte con l’ente erogante». La comodità? «Paga l’azienda e il lavoratore se lo trova rateizzato nella busta paga. Agevolazione che si estende anche ai familiari». Ma il vero plus è che l’abbonamento lo si può ritirare direttamente presso uno sportello dedicato in Pirelli, evitando così estenuanti code.

pirelliAttività fisica, un aiuto per ottimizzare i tempi e la biblioteca
Mens sana in corpore sano. Per chi ama fare sport, e magari il solo tragitto in bici non gli basta, la compagnia ha messo a disposizione dopo l’orario di lavoro corsi di yoga e pilates. Un toccasana per impiegati e operai che, a detta di Giglio, ha trovato un ampio consenso. Ma per menti e corpi in forma ci vuole cibo adatto. Da qui l’idea di fare la spesa consultando un portale dedicato per acquistare, con un clic, prodotti a chilometro zero e rigorosamente bio. Per ora niente fresco, «la catena del freddo sarebbe infatti di difficile gestione», precisa Giglio. Ma solo alimenti conservati di provata qualità. A prezzi sempre scontati per i dipendenti.

«Circa tre anni fa è stata istituita una conciergerie aziendale», dichiara Giglio. In che senso? «Un vero e proprio maggiordomo che aiuta i colleghi ad adempiere, per esempio, pratiche postali, servizi di lavanderia, calzoleria o della spesa acquistata online. Si tratta», prosegue Giglio, «di un aiuto fornito durante la pausa pranzo in un apposito spazio chiamato People care». E sempre senza fare code e ottimizzando i tempi della vita quotidiana, specie per chi ha famiglia e figli.

pirelli 2Le iniziative di Pirelli per il welfare sono molteplici. A partire dal poliambulatorio con 12 medici specialistici a disposizione di tutti gratuitamente, alle borse di studio Intercultura per i figli dei dipendenti, ai campus estivi per i bimbi, ai corsi “Genitori al lavoro” per neopapà e neomamme. «Da menzionare, inoltre, la recente apertura della biblioteca aziendale al Polo industriale Pirelli di Settimo Torinese, in collaborazione col Comune di Torino, nell’ambito del progetto “Archimede fuori di sé” e realizzato con il circolo aziendale dello stabilimento», conclude Giglio. Mica poco: 110 mila volumi, 220 riviste, 14 quotidiani, dvd cd e tanto altro. E a ottobre, in concomitanza con l’iniziativa “Io leggo perché“, anche la Bicocca e lo stabilimento di Bollate avranno la loro biblioteca.

L'autore

Simona Cornaggia Nata a Milano, dove ha sempre vissuto, dopo la maturità classica si laurea a pieni voti in filosofia. Giornalista professionista, è specializzata nel settore economico-finanziario. Ha lavorato al Mondo (Rcs Mediagroup) e poi fino al 2012 è stata caporedattrice del settimanale Borsa&Finanza. Ora è attiva come freelance