Ecocucina: sostenibilità a tavola anche al lavoro


Due ricette per privilegiare prodotti vegetali e valorizzare ogni alimento: gazpacho di primavera e bulgur al pesto


Ecocucina: sostenibilità a tavola anche al lavoro

Siamo abituati a pensare che la cucina e le ricette poco abbiano a che fare con la sostenibilità ambientale e con questioni come i cambiamenti climatici, la deforestazione, il sovra sfruttamento dei mari e delle risorse naturali, la deforestazione. Il realtà il legame esiste ed è molto forte perché il nostro modo di mangiare e cucinare determina in massima parte il nostro impatto ambientale.

Tra le azioni concrete che possiamo mettere in atto per essere più sostenibili la priorità va senza dubbio a privilegiare prodotti vegetali e imparare a ottimizzare al massimo ogni alimento che acquistiamo. Proprio a questi due principi si ispirano queste due ricette: Gazpacho di primavera per cena e Bulgur al pesto per il pranzo del giorno dopo.

Gazpacho di primavera (a cena)
L’idea è prepararne di più in modo da poterlo usare come base per il pranzo di domani in ufficio.
1) Lavate bene i gambi degli asparagi, le foglie di sedano e il cipollotto. Raschiate i gambi con un pelapatate e affettateli sottilmente. Sbucciate l’avocado, togliete il nocciolo e tagliatelo grossolanamente.
2) Frullate gli ortaggi e l’avocado con 3 dl di acqua, lo spicchio d’aglio sbucciato, un pizzico di sale, un cucchiaio di olio, il peperoncino e il succo di limone. Servite con pane tostato.
3) Gustate e tenete da parte tutto quello che avanza per preparare il bulgur. L’ideale è averne circa due tazze avanzate.

Sformato dell’orto bulgur al pesto (per il pranzo in ufficio)
Preparate una pastella unendo alla farina di ceci 600ml di acqua, un pizzico di sale e 1 cucchiaio di olio. Lavorate con una frusta e lasciate riposare per circa un’ora. Scaldate il forno a 180°C. Unite la tajine avanzata alla pastella e mescolate. Versate in una teglia da forno rivestita di carta da forno. Fate cuocere per 30 minuti circa. Controllate che sia ben cotto quindi sfornate e lasciate raffreddare. Tagliate in rettangoli e confezionate i vostri 2 pranzi per l’ufficio. Conservate in frigorifero e il giorno dopo portatelo con voi al lavoro.

La lista della spesa per due persone:

  • 300 g di gambi di asparagi
  • 1 cipollotto
  • 60 g di foglie di sedano
  • 1 avocado maturo
  • 1 spicco d’aglio
  • 1 puzzico di peperoncino
  • Piccante in polvere
  • Il succo di 1 limone
  • 2 tazze di bulgur
  • 140 g di ceci lessati
  • 1 mazzetto di basilico
  • 1 cucchiaio di dado granulare
  • 1 cucchiaino di peperoncino
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 2 cucchiai di pinoli tostati
  • Olio extravergine
  • Sale

Vi piacerebbe che vi aiutassi a trasformare la vostra cena nel pranzo in ufficio del giorno dopo? Scrivetemi a info@ecocucina.org, la vostra doppia ricetta potrebbe diventare la protagonista del prossimo numero di LINC.

L'autore

Lisa Casali

Lisa Casali


Successivo »