Come vivere davvero il tuo tempo


Come imparare a riappropriarsi del proprio tempo nonostante il lavoro quotidiano


Come vivere davvero il tuo tempo

Solo perché sei al lavoro, non vuol dire che stai lavorando. Forse stai annegando in un mare di email, bloccato in una serie di riunioni o call improduttive, dove sei costantemente interrotto. Se ti senti sopraffatto dallo stile di vita digitale dove infinite email e notifiche distraggono costantemente la tua attenzione, se senti che la tua vita non progredisce verso i tuoi obiettivi, non stai dormendo abbastanza o non hai abbastanza tempo per pensare e rilassarti – allora non sei solo. Fermati, respira, cambia le tue abitudini. Immagina come sarebbe la tua giornata se fossi in grado di evitare/ridurre le distrazioni?

Distrazione digitali

Fallo ora, non distrarti. Poche cose contano più della tua attenzione. Può essere la fonte del tuo successo sul lavoro e l’ingrediente chiave per le tue relazioni interpersonali. Eppure, le distrazioni durante la giornata lavorativa rubano la tua attenzione insieme al tuo tempo e all’energia. Non è solo la tua attenzione che viene rubata, lo è anche quella di dipendenti, clienti e dell’organizzazione stessa. Questa è la sfida più urgente nella nostra vita. Concentrarsi in modo profondo può essere difficile, perché la tua mente cerca automaticamente esperienze più piacevoli e immediatamente gratificanti. Ti sei mai chiesto perché le distrazioni digitali creano così tanta scarsità di attenzione e dipendenza? Sì, hai letto bene, sei costantemente alla ricerca della dopamina.

Ormai è un dato di fatto, gli smartphone e le loro rivoluzionarie app creano dipendenza. Ogni nuova notifica o messaggio attiva il rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore che influisce sulla sfera del piacere e del meccanismo di ricompensa e – se e solo se – la ricompensa viene soddisfatta, consente al comportamento di diventare un’abitudine. Questo neurotrasmettitore, però, influenza anche la regolazione di altre importantissime funzioni dell’organismo, come il sistema nervoso centrale e periferico, influendo così sulla motivazione personale, il sonno, l’umore, la memoria e l’apprendimento. Ecco perché i designer delle big companies del digital hanno sfruttato questa “vulnerabilità nella psicologia umana” al fine di creare dei prodotti “hooked”.

Ogni volta che qualcuno gradisce o commenta un post o una fotografia ottiene un “piccolo colpo” di dopamina. Converrai con me che non si tratta di un problema del digitale, bensì di un problema dei tuoi comportamenti e delle tue abitudini che metti in atto giornalmente. La soluzione c’è. Si tratta solo di hackerare qualche abitudine malsana. Il futuro appartiene a chi sarà in grado di accedere con la giusta energia al «focus» e per fare questo dovremo accedere all’intimo e toglierci temporaneamente dal rumore. I tre principali vantaggi di un sano e corretto uso degli strumenti digitali sono:

  • eliminazione di sprechi/distrazioni nella sfera personale e organizzativa;
  • aumento di produttività/tempo/energia sul lavoro;
  • consolidamento di ottime abitudini personali/ lavorative.

Per questo, mi sento di condividere tre semplicissimi consigli che puoi mettere in pratica fin da ora, ottenendo così risultati straordinari.

Elimina le notifiche dallo smartphone

Le notifiche sono senza dubbio uno strumento utile per rimanere aggiornati sulle novità in arrivo sullo smartphone, ma possono anche rivelarsi irritanti e fastidiose. Soprattutto, sono lo strumento per eccellenza che ci fa rimanere agganciati allo smartphone per tutto il giorno. Potrà sembrare un passo azzardato ma sarà necessario per riprendere in mano il tempo e non sempre lo smartphone. Devi scegliere tu quando accedere e non dipendere dalla gestione del tempo di terze persone. Inizia riducendo le notifiche da quelle applicazioni che usi di più. Inizia a porti la seguente domanda: è essenziale ricevere tutte queste notifiche?

Crea un piano di energy management

Non ci sono regole auree per decidere dei tempi ordinari e straordinari, dove tutti possano svolgere i vari compiti, piuttosto, si ritiene che ognuno possa conoscere il proprio fabbisogno di energie. Pertanto, sarai tu a scegliere se il determinato compito è bene affrontarlo la mattina presto, appena sveglio, oppure la sera, quando tutto tace così da poterti dedicare in armonia alle tue cose essenziali. Cerca di suddividere o di essere attento nella pianificazione della giornata in tre momenti:

  •  la mattina: dedica questa prima parte della giornata a impegni ricchi di energia come scrivere, creare strategie, incontrare clienti importanti, lavorare;il pomeriggio: le energie sono inferiori e allora puoi dedicarti a lavori che ti assorbono di meno, quali riunioni, incontri, gestione mail;
  •  la sera: la lettura, relax, la vita interpersonale, gli hobby.
Individua ambienti e rituali da Digital Detox

All’interno della giornata cerca una fascia oraria dove sperimentare dei momenti «focus», lontano da smartphone e altre distrazioni. Per esempio, la mattina dalle 08:00 alle 09:00 e il pomeriggio dalle 16:00 alle 17:00 concentrati su attività che prevedono un alto grado di attenzione. Il ritual detox è molto indicato per svolgere attività per le quali si senta il bisogno di «staccare» momentaneamente, per poter accedere al flusso creativo e di concentrazione. È fondamentale istituirlo mentre si è a tavola, specialmente se si consuma il pasto in famiglia.

Sono sicuro che la maggior parte di voi inizi a riconoscere questi comportamenti che giornalmente mettiamo in atto e che in modo molto «silenzioso» ci rubano energia, tempo e attenzione. Ecco perché il time management sarà sempre meno efficace se non prendiamo in considerazione il concetto di focus ed energy management. Sono convinto che non puoi gestire il tempo, ma puoi solo viverlo. Fallo con attenzione, non essere distratto.

L'autore

Jacopo Mele

Jacopo Mele